Tai Chi - www.PalaWinnerTeam.it

Vai ai contenuti

Menu principale:

Tai Chi

I Nostri Corsi

Nella sua definizione più essenziale, ovvero quella derivante dalla traduzione letterale del termine, il Tai Chi Chuan è la “Boxe (Chuan) della Suprema (Tai) Polarità (Chi)”. Si tratta di un’antica arte marziale cinese nata nel XVII secolo, quando tutte le tradizioni e le tecniche di combattimento cominciarono ad essere organizzate in modo “scientifico”. Il Tai Chi viene annoverato tra le arti marziali “interne” in quanto mira a sviluppare la forza lavorando sulla padronanza delle energie interne del corpo, e trova il suo fondamento filosofico nelle leggi  di interazione e alternanza dei due “poli” o principi base dell’ universo: Yin, il principio negativo, e Yang, il principio positivo.


il Tai Chi Chuan consiste in una serie di movimenti basati su tecniche marziali di offesa e difesa, eseguiti lentamente  in una sequenza prefissata.
La larga diffusione di questa disciplina si spiega per l’ampio spettro di possibilità e benefici che offre. Alcuni la praticano come arte marziale, altri come una ginnastica morbida che, in virtù della sua stretta connessione con i fondamenti della medicina cinese, è capace di prolungare la vita, migliorare la sua qualità,  recuperare le strutture muscolari e  articolari danneggiate, e contemporaneamente migliorare l’equilibrio mentale.

“Dobbiamo eliminare ogni forma di energia grossolana che crea dei blocchi nei legamenti, nelle ossa e nei vasi ostacolando ogni movimento... I meridiani del corpo sono qualcosa di simile ai canali della terra. Se i canali non sono ostruiti l’ acqua scorre liberamente. Analogamente se i meridiano sono aperi il Chi circola. Se invece una forza rigoda ostruisce i meridiani, la. Ircolazione del sangue e del Chi vengono ostacolate: i movimenti circolari non risulteranno più agili e basterá essere tirati per un capello per perdere l’equilibrio con l’ intero corpo... Se usiamo unicamente la forza muscolare e non il pensiero, l’avversario ci potrá facilmente manipolare, cosa non degna di menzione.” (Yang Cheng Fu)

 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu